Con la sentenza n. 234 del 10 gennaio 2011, la Seconda Sezione Penale della Cassazione ha stabilito che le società per azioni che svolgono attività per conto degli enti pubblici territoriali sono soggette alla responsabilità amministrativa disciplinata dal D.Lgs. 231/01 in quanto generano un utile economico.

Secondo la pronuncia della Cassazione, dunque, il D.Lgs. n. 231/01 si applica anche alle società che svolgono attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti, come le ex municipalizzate ed attività sanitarie quali le cliniche o gli ospedali privati a capitale misto.

Più in generale, quindi, la sentenza si rivolge alle società che svolgono attività economiche aventi impatto sui beni costituzionalmente garantiti, come ad esempio il diritto alla salute e il diritto all’ambiente, ed operanti in settori “in cui vengono in rilievo il diritto all’informazione e alla sicurezza antinfortunistica, all’igiene del lavoro, alla tutela del patrimonio storico e artistico, all’istruzione e alla ricerca scientifica”(cfr. sent. 234 del 10 gennaio 2011).

Si riporrta il testo integrale della sentenza n. 234 del 10 gennaio 2011.

(SLM, 20 gennaio 2011)

Per maggiori informazioni su questo argomento, contatta l’Avv. Cristina Cappiello.

Print Friendly, PDF & Email

© 2015-2022 Studio Legale Metta | P.IVA 00838600724 Corso Vittorio Emanuele II, 57 - 70122 BARI - Italy Tel. +39.080.5211125
Fax +39.080.62031151 | PRIVACY POLICY




logo-footer

Studio legale Metta